Qualificare il ruolo e le competenze dell’hotel manager
per portare benefici in termini di qualità dei servizi e di competitività
in un mercato in costante crescita.
Nasce Hotel General Manager – Knowledge, skills and competence requirements
il documento a livello europeo voluto dalla European Hotel Managers Association EHMA


Una data da ricordare quella del 17 ottobre 2018 perché ha visto la presentazione ufficiale del nuovo CWA 17327:2018 (Cen Workshop Agreement) intitolato "Hotel General Manager – Knowledge, skills and competence requirements" un documento elaborato a livello europeo.

L’incontro a cui hanno preso parte operatori, istituzioni e media si è svolto a Milano presso la sede dell'Ente Italiano di Formazione, UNI. Chi è l'Hotel Manager? Di cosa si occupa? Che competenze deve avere per svolgere al meglio le proprie mansioni?  Il CWA, fortemente voluto dalla European Hotel Managers Association EHMA, ha visto l’Italia capofila di questi lavori in quanto particolarmente sensibile al tema delle competenze del manager di hotel, una figura professionale di altissimo livello il cui profilo rientra tra le professioni non organizzate in albi e ruoli ai sensi della legge 4/2013.

Definire una chiara e riconoscibile qualificazione dell’importante professione dell’hotel manager per portare significativi benefici a tutto il settore, in termini di qualità dei servizi ai clienti e di competitività in un mercato in costante crescita. È questo l’obiettivo primario del nuovo CWA 17327:2018 (Cen Workshop Agreement), il documento elaborato a livello europeo dal titolo "Hotel General Manager – Knowledge, skills and competence requirements" presentato il 17 ottobre nella sede dell'Ente Italiano di Normazione, UNI.

EHMA e UNI hanno infatti intuito che per qualificare un settore come quello dell’accoglienza - in particolare per quanto riguarda i grandi hotel - ci fosse bisogno di passare attraverso la qualificazione delle persone che gestiscono tali strutture.

L'Hotel Manager deve infatti essere in grado di affrontare a 360 gradi tutti gli aspetti che attengono la vita alberghiera, sovrintendere e coordinare le attività che vi si svolgono, avere un ruolo centrale e una efficace visione di insieme e relazionarsi in modo sinergico con tutto il suo team.

Come spiega Ezio A. Indiani, General Manager Hotel Principe di Savoia di Milano, Delegato Nazionale Italia EHMA e chairman dei lavori europei relativi a questo progetto, La certificazione del Direttore d’albergo è un significativo passo in avanti per dare il giusto riconoscimento professionale a quei direttori che sono gli ambasciatori del turismo d’affari e vacanziero del nostro Paese. Crediamo che questa certificazione sarà una pietra miliare per i nuovi direttori del futuro”.   

Secondo Palmiro Noschese Area Director Italy Meliá Hotels International e leader di questo progetto curato dal Comitato Rapporti con le Istituzioni EHMA Italia: “Il modello di riferimento introdotto dalla CWA è volutamente di respiro internazionale come lo è EHMA, l’obiettivo è definire uno standard per confrontare e allineare le professionalità di una figura estremamente delicata nel comparto socio economico del turismo. Con Intertek Italia abbiamo già sperimentato sessioni di esame per valutare l’efficacia della CWA anche per la certificazione con ottimi risultati. L’obiettivo ulteriore sarà quello di lavorare anche su altri profili che compongono la catena decisionale e operativa di un hotel” .     

 

Le 5 macro aeree di attività

Prima di definire le conoscenze, le abilità e le competenze del direttore d’albergo, il documento europeo individua 5 macro-aree di attività: Visione globale, Organizzazione, Controllo, Risorse umane, Gestione delle aree operative, Pianificazione e definizione degli obiettivi. Per ogni macro area il documento definisce le diverse attività. A puro titolo di esempio rientrano nella “Visione globale” la definizione delle strategie commerciali, di e-commerce e di vendita, il posizionamento e la visibilità sui social network, la definizione di accordi e di sistemi di controllo sulla catena degli approvvigionamenti. Fanno parte della macro-area “Risorse umane” l’applicazione dei contratti di lavoro nazionali, la gestione del team per il raggiungimento degli obiettivi mediante la definizione di KPI (Key Performance Indicator), la promozione dello sviluppo professionale e il monitoraggio della soddisfazione interna del personale.

 

About EHMA

EHMA - European Hotel Managers Association è stata fondata a Roma nel 1974 da alcuni “executives” dell’industria alberghiera di indiscussa etica professionale con il desiderio di mantenere ed incrementare l’immagine del patrimonio alberghiero. È composta da dirigenti di alberghi di alto livello che tendono costantemente al miglioramento della loro professionalità e di quella del loro personale, al fine di mantenere, perfezionare ed innovare i servizi da offrire alla loro clientela. Attualmente l’Associazione conta circa 400 soci rappresentanti 29 paesi europei di cui circa 300 sono Direttori Generali di alberghi di lusso. In cifre, questo rappresenta ca. 300 alberghi, 85.000 camere e 65.000 dipendenti. La Delegazione Italiana è la più numerosa di EHMA vantando un totale di 107 soci. I soci italiani si riuniscono periodicamente invitando rinomati speaker nel panorama italiano, dando vita a fondamentali scambi professionali e umani.

 

About UNI

L’Ente Italiano di Normazione è un'associazione privata senza scopo di lucro i cui soci, oltre 4.000, sono imprese, liberi professionisti, associazioni, istituti scientifici e scolastici, pubbliche amministrazioni. Dal 1921 svolge attività di normazione tecnica in tutti i settori industriali, commerciali e del terziario a esclusione di quello elettrico ed elettrotecnico. Le norme sono documenti che definiscono le caratteristiche (prestazionali, ambientali, di sicurezza, di organizzazione ecc.) di un prodotto, processo, servizio o professione, secondo lo “stato dell'arte” e sono il risultato del lavoro di decine di migliaia di esperti in Italia e nel mondo. In estrema sintesi, sono documenti che definiscono “come fare bene le cose” garantendo sicurezza, rispetto per l’ambiente e prestazioni certe. Il ruolo dell'UNI, quale Organismo nazionale italiano di normazione, è stato riconosciuto dal Decreto Legislativo 223/2017 sulla normazione tecnica. UNI partecipa, in rappresentanza dell'Italia, all'attività di normazione internazionale ISO ed europea CEN.

 

Per info

 

 

www.ehma-italia.it

www.uni.com