Digital marketing,  news in arrivo per i responsabili delle strategie del settore dell’hotellerie. Secondo quanto anticipato dalla società americana Hebs Digital da luglio Google utilizzerà anche la variabile delle velocità di caricamento da mobile per determinare l’ordine di indicizzazione delle ricerche sul proprio portale. In breve, saranno penalizzate le strutture i cui siti sono lunghi e lenti da caricare sui device mobile, per altro strumenti sempre più utilizzati per cercare e prenotare soggiorni in albergo. Tenete a mente a questo dato: secondo Google il 53% delle visite è abbandonato se un sito impiega più di 3 secondi ad aprirsi su un dispositivo mobile.

Ma le novità di Google nell’ambito del digital marketing non si fermano qui. Altro elemento di cui tenere conto per compiere investimenti efficaci e capaci di garantire il ROI è che big G sembra intenzionato a bloccare le pubblicità web invasive, quelle cioè che non rispettano i requisiti necessari per garantire agli utenti una navigazione fluida e ottimale. Restrizioni per gli account autorizzati a mostrare video pubblicitari in arrivo anche dalla piattaforma di condivisione di video YouTube che in questo modo prova ad arginare il fenomeno per il quale i brand possano essere accostati a contenuti sconvenienti.

Una curiosità: se il vostro sito è povero di colore, aggiungetelo. Sempre secondo Hebs Digital la tendenza al minimalismo del total white non è certo passata di moda ma le previsioni per quest’anno parlando del ritorno del colore, soprattutto per evidenziare le call-to-action più importanti quale, per esempio, il bottone di booking online.