L’Italia è leader per numero di posti letto in Europa e conta un elevato numero di alberghi di lusso

Continua il trend positivo per l’hotellerie italiana, mercato sempre più ambito dai grandi investitori internazionali che puntano sul Bel Paese grazie ai suoi punti di forza indiscussi quali il patrimonio ambientale, archeologico e culturale e le eccellenza enogastronomiche.  

Secondo i dati emersi dal nuovo Rapporto sugli Immobili ad Uso Ricettivo in Italia, edito da World Capital in collaborazione con Federalberghi e patrocinato dall’ENIT, negli ultimi anni gli alberghi italiani stanno recuperando competitività, registrando un incremento del +13,4% dal 2014 al 2017

Focalizzandoci sulle strutture ricettive di lusso, le grandi compagnie alberghiere contano diversi brand luxury nei loro portafogli, ma pochi sono quelli che vengono resi disponibili al mercato in franchising. A rappresentare il mercato nel segmento dei lusso, tuttavia, sono i consorzi cui qualunque albergo (facente parte di una catena o meno e con determinati standard qualitativi) può aderire. I 2 Consorzi più rappresentativi in questo senso sono: The Leading Hotels of The World (TLH) e Small Luxury Hotels (SLH). A questi 2 si aggiungono anche Relais & Châteaux e Preferred Hotel Group, che registrano una forte connotazione geografica rispettivamente in Francia e negli Stati Uniti. 

Per quanto riguarda l’Italia, il Bel Paese vanta la maggior diversificazione nell’offerta al Mondo, sia per tipologia, che per qualità; inoltre l’Italia è leader per numero di posti letto in Europa e conta un elevato numero di alberghi di lusso. Infatti, secondo l’indagine di World Capital, nel 2018 sono 204 gli alberghi di lusso in totale presenti in Italia pari al 9,9% delle strutture di tutto il Mondo. 

Soffermandoci nel dettaglio su tale dato, emerge che 66 strutture fanno parte di Small Luxury Hotels (SLH), 57 alberghi di The Leading Hotels in World (TLH), 45 strutture sono di Relais & Châteaux e 36 alberghi fanno parte di Preferred Hotel Group. L’analisi di World Capital ha preso in esame i 4 consorzi più rappresentativi del segmento del lusso e il numero di alberghi luxury presenti in 7 paesi: Italia, Francia, USA, UK, Svizzera, Germania e Spagna.

“Il patrimonio ricettivo nazionale non ha eguali per qualità “intrinseca e potenziale”. – dichiara Lucia Dattola, Dipartimento di Ricerca di World Capital – Negli ultimi anni il mercato immobiliare alberghiero italiano sta riscontrando dei segnali positivi e un gran interesse da parte degli investitori, questo soprattutto per le città prime come Milano, Roma, Venezia e Firenze”.

 

About World Capital 

Con un’esperienza ventennale, World Capital, società italiana di consulenza e intermediazione immobiliare, è specializzata nel fornire servizi e soluzioni idonee per privati, imprese, fondi e istituzioni in campo real estate. Specializzata nella consulenza immobiliare tailor-made, World Capital riserva ai propri clienti un’assistenza globale e personalizzata, massimo riserbo ed esclusività, accompagnandoli dalla ricerca dell’immobile alla negoziazione e commercializzazione dello stesso. Attiva su tutti i comparti immobiliari, World Capital offre soluzioni su misura nei settori: Office, Industrial & Logistics, Retail, Capital Market e Hotel & RSA. Oltre ai compartimenti dedicati ai vari settori, World Capital conta un Dipartimento di Ricerca, che con dedizione, realizza semestralmente Report sui diversi segmenti del mercato immobiliare, avvalendosi di collaborazioni con autorevoli entità come ICE, Confindustria Alberghi, Promos, Federazione Moda Italia. Attento alle nuove tecniche di comunicazione e marketing, il Dipartimento Comunicazione, invece, si occupa di redigere piani comunicativi strategici e mirati alla promozione e commercializzazione degli immobili.

 

Per info
www.worldcapital.it