Zanzibar, i gioielli dell’Oceano Indiano

“It’s a kind of magic”, cantava l’immenso Freddie Mercury,
al secolo Farrokh Bulsara, nativo dell’arcipelago di Zanzibar.
Ed è quasi logico che da una terra così magica sia nata una delle leggende della storia della musica.
Proprio da una leggenda sembra sia nato questo gruppo di isole: si narra infatti che in tempi antichi gli dei avessero gettato una manciata di pietre preziose nell’Oceano Indiano,
creando uno dei luoghi più suggestivi della terra. Tutto qui incanta, dalle spiagge bianchissime
al mare caldo e cristallino, dalle foreste pluviali ai piccoli villaggi fino alle riserve naturali.
Ogni cosa a Zanzibar sprigiona un fascino genuino  e si è avvolti da una magica atmosfera.


Il Resort – Ci piace perché:

– E’ ubicato sulla costa orientale dell’isola, all’interno di un giardino tropicale di 7 ettari, e custodito da un palmeto lasciato intatto durante la costruzione;
–  Si affaccia su una bellissima spiaggia di sabbia bianca di fronte alla barriera corallina dalla quale, durante la bassa marea e percorrendo una passerella di circa 200 metri, è possibile fare il bagno in una piscina naturale che si crea nel mare;
– La sistemazione permette di vivere a pieno contatto con la natura: i caratteristici cottage dai tetti di paglia sono infatti  “accoccolati” sotto l’ombra delle fronde delle palme sulla spiaggia o all’interno del giardino.  Gli ambienti sono luminosi, hanno colori caldi e sono arredati  in stile locale;
– la Samawati Spa è molto più di una Spa. Incastonata tra le pareti di roccia del promontorio che si affaccia sulla spiaggia,  è un tempio di benessere. Popone massaggi classici, anti-stress e un ricco programma di trattamenti di bellezza; –  E’ di piccole medie dimensioni e non si nota la presenza degli altri ospiti. La sua atmosfera discreta garantisce un soggiorno in  totale privacy e relax.

Per gli amanti della buona cucina: Food & Restaurant

– “Kijiji” – ristorante principale con terrazza panoramica. Offre un servizio a buffet per prima colazione, pranzo e cena;
– “Bondeni Restaurant”- propone colazione a buffet e menù à la carte per pranzo e cena;
“Eatalian”- ristorante e pizzeria per degustare piatti tipici della cucina italiana;
– “Masai Village”- luogo all’interno del villaggio africano,  ideale per assaporare cibo e usanze locali.   Ambiente informale, aperto alcune sere a settimana per cene e danze tradizionali swahili;
“Grand Bleu”- ristorante a pagamento da prenotare. Situato  a pochi metri dal mare, offre un servizio à la carte con specialità di pesce. Ambiente elegante.

PLUS: In struttura è presente un biologo marino e un attrezzato centro diving.

Karafuu Beach Resort & SPA Zanzibar Pingwe  fa parte dei Turisanda Club. Una attenta selezione di strutture dedicate al viaggiatore che ricerca qualità e personalizzazione del servizio, con un occhio di attenzione al gusto italiano.

Per Info:

www.turisanda.it