È la società milanese Eclettico Design, brand del Gruppo Lombardini22, a curare l’interior design del nuovo Pestana CR7 Lifestyle Hotel, che aprirà nel cuore della più importante tra le città imperiali del Marocco.

Cristiano Ronaldo oltre che un’icona del calcio mondiale è ormai anche un brand internazionale riconosciuto. CR7, in joint venture con Pestana, firma una catena di hotel che dopo aver inaugurato nel 2016 le prime strutture a Lisbona e Funchal, città natale del fuoriclasse portoghese e capitale dell’isola di Madeira, aprirà il suo terzo hotel nel 2019 a Marrakech, in attesa di approdare a Madrid, New York e Parigi nei prossimi anni.

E per la nuova struttura di Marrakech, Pestana CR7 Hotels ha scelto il design italiano. È, infatti, Eclettico Design, società specializzata in luxury e hospitality che, sotto la guida di Igor Rebosio e Giuseppe Varsavia, a curare l’intero concept di interior design del Lifestyle Hotel. Eclettico Design è un brand di Lombardini22, Gruppo milanese leader nello scenario dell’architettura e dell’ingegneria, che opera a livello internazionale e che in Italia si posiziona al 3° posto nella classifica delle società di architettura in base al fatturato. Il nuovo Pestana CR7 Lifestyle Hotel avrà 168 camere, due ristoranti, un business centre, un fitness centre con spa e un articolato roof-garden con area piscina e sky bar. Il tutto a rivitalizzare il legame fra tradizione e modernità del Marocco.

L’hotel si inserisce in un più ampio masterplan, chiamato M Avenue, che si sviluppa su un’area di cinque ettari di superficie e che si proporrà come destinazione internazionale per il design, la moda, il leisure e la cultura nel cuore della più importante tra le Città imperiali del Marocco. Lo sviluppo del nuovo distretto d’eccellenza è curato da DHC Maròc, Real Estate Company guidata da Nabil Slitine. L’intervento è concepito come un’oasi attraversata da un “viale-giardino” lungo 500 metri su cui affacciano negozi, uffici, ristoranti, caffè, gallerie d’arte, spazi espositivi, wellness e business centre, oltre a residenze high-end dei brand M Apartments e Four Seasons Private Residences, i cui interior sono progettati sempre da Eclettico Design.

Il concept alberghiero ha affrontato una sfida multipla: interpretare la prima catena internazionale “firmata” da una celebrità dello sport riconoscendo in Pestana CR7 l’accordo virtuoso tra un Gruppo imprenditoriale (Pestana Group Hotel) giovane e dinamico e i valori di disciplina sportiva, velocità, incisività, energia e “healthiness” che la figura di Ronaldo esprime; equilibrare l’input CR7 con una filosofia più trasversale, calibrata su un ospite che intenda lo sport in generale come stile di vita; infine armonizzare il tutto con l’eredità culturale e il patrimonio figurativo del luogo.

Gli spazi sono concepiti con livelli differenti di intensità: un’intensità accennata nelle camere, dove le diverse tipologie sono accomunate dalla fluidità di movimento di linee tese raccordate in curva, mentre funzionalmente sono come “microcosmi” per un lifestyle sportivo e dedicato al benessere psicofisico (integrando, per esempio, il training anche nello spazio personale).

Un’intensità più carica nelle aree comuni, dove irrompe più forte la tradizione: nel gioco dei portali alla reception; nei decori ‘marocchini’ come texture di luci e ombre proiettate da lampade custom-made; in alcune superfici dell’area fitness spa, dai pattern geometrici impressi su un innovativo impasto di sabbia e resina grazie a un processo di alto artigianato locale. Decori che si fanno “virtuali” e mutevoli nell’area ristorante, dove nei diversi momenti di utilizzo (colazione, pranzo, cena ecc.) gli ospiti sono accompagnati dalla proiezione di vasti orizzonti variabili che inducono atmosfere immersive. Tale ricorso all’effetto tecnologico è anche dovuto al target cui si rivolge Pestana CR7, un Lifestyle Hotel che parla a un pubblico giovane, a quel segmento dei millennials educato a sfumare i confini tra relax, divertimento, lavoro, buona alimentazione, tradizione e tecnologia in un continuum esistenziale. Per questo motivo nel Concept è anche prevista un’App dedicata che possa fare della user experience un servizio agile, informale e facilmente interattivo e che abbia il potenziale generativo di una social community.

Il mood locale prosegue nei materiali, con le pietre locali, i legni, i tessuti; nei colori, con le tonalità chiare, il rosso e l’ocra dell’arenaria di Marrakech, la sabbia, le terre, il deserto; e infine nel verde che, generoso sulle terrazze e puntuale nel ristorante, penetra fino al sottosuolo. Qui, al livello della spa e del training centre, il percorso centrale è come un grande giardino di luce, acqua e vegetazione che concettualmente riprende la “GardenAvenue” dell’asse centrale del masterplan, in un gioco di rimandi tra interno ed esterno, architettura e paesaggio.

Maggiori informazioni sul sito del Gruppo